L’ultimo viaggio del Titanic in Ticino entusiasma il pubblico

11.09.2016

Per la primissima volta il Ticino ha ospitato quest’estate un palco in riva al lago. Con la presentazione di un classico come TITANIC – IL MUSICAL, Musical Lago di Lugano ha suscitato l’entusiasmo di tantissimi ospiti provenienti da Germania, Italia, Svizzera e in particolare dal Ticino. La prima produzione di musical bilingue italiano – tedesco si è conclusa ieri andando in scena con l’ultima rappresentazione in programma.

Dopo 15 spettacoli e un mese di programmazione, ieri sera alle 22.45 è calato il sipario sul primo musical sotto le stelle che ha animato l’estate ticinese. Con TITANIC – IL MUSICAL in versione bilingue, Musical Lago di Lugano ha suscitato l’entusiasmo sia del pubblico italofono che germanofono. La produzione ha ingaggiato un cast d’eccezione, che poteva contare anche sulla presenza della cantante Suor Cristina, star televisiva salita alla ribalta per aver vinto il talent «The Voice of Italy» e che ha letteralmente rapito il cuore degli spettatori. I momenti salienti della manifestazione sono stati la partecipazione straordinaria di SEBalter, musicista ticinese ed ex-concorrente dell’Eurovision Song Contest, e l’inaugurazione del palco con l’esibizione canora di Flavio Rizzello, vincitore de «I più grandi talenti svizzeri» («Die grössten Schweizer Talente»), il talent-show in onda su SRF. TITANIC – IL MUSICAL ha avuto un forte richiamo per i ticinesi, gli spettatori e i media, ottenendo reazioni molto positive da parte di tutti. Anche dal punto di vista meteorologico, il primo palco sul lago è nato sotto una buona stella: dal primo all’ultimo giorno, il soleggiato Ticino non si è smentito, regalando al cast e agli spettatori settimane di bel tempo e di gradevoli temperature.

 

Il musical ha attirato in Ticino un pubblico internazionale

Il cast internazionale, la meteo favorevole e l’imponente scenografia allestita nella suggestiva cornice del Lago di Lugano hanno reso TITANIC – IL MUSICAL il punto di ritrovo culturale del Ticino, non solo per la popolazione locale, ma anche per i visitatori provenienti da altre nazioni. Alla prima erano presenti diverse celebrità provenienti dalla Germania e dall’Italia come l’attrice Mariella Ahrens, il cantante Peter Kraus o il produttore musicale Ralph Siegel. Non sono mancate inoltre star svizzere e ticinesi del calibro di Paola Felix, Luca Hänni e Matteo Pelli e rappresentanti della politica come il Consigliere agli Stati Filippo Lombardi. Durante il mese delle rappresentazioni, TITANIC – IL MUSICAL ha attirato nella regione gli appassionati di musical provenienti dai paesi limitrofi. Molti di loro hanno inoltre approfittato dello spettacolo per fare una breve vacanza in Ticino. Il maggiore afflusso turistico rappresenta per la regione un enorme valore aggiunto ed é stato fin dall’inizio anche uno degli obiettivi primari degli organizzatori.

 


Si valuterà la possibilità di una nuova produzione

La riuscita di un progetto cosí ambizioso è da attribuire soprattutto alla collaborazione regionale, dichiarano gli organizzatori. Grazie alle partnership con l'Ente Regionale per lo Sviluppo del Luganese e Lugano Turismo, il progetto musical openair sulle rive del Lago di Lugano è stato ampiamente sostenuto nonché promosso e supportato dall’intera regione. «Nel complesso ci riteniamo contenti, sebbene gli oltre 15.000 spettatori non hanno del tutto soddisfatto le nostre iniziali aspettative», commenta Marco Wyss, responsabile del progetto. Del resto, allestire ex-novo una location per un musical e darle visibilità è un’operazione che richiede tempi lunghi e un ciclo di più stagioni, specialmente quando si tratta di un musical bilingue. Per questo motivo le rappresentazioni in italiano hanno riscosso maggior successo rispetto a quelle in lingua tedesca. Il fatto che il numero di visitatori sia stato inferiore a quello auspicato si riconduce anche alla decisione di non prolungare le date dello spettacolo come inizialmente previsto e si riflette sull’esito complessivo dell’intero progetto. A Melide la produzione chiuderà nelle prossime settimane, dopodichè gli organizzatori decideranno se portare un nuovo musical sul Lago di Lugano nel 2018. «Se ci saranno i presupposti, vaglieremo la possibilità di dare seguito a questo progetto con il musical “La febbre del sabato sera”», dichiara Marco Wyss.

~wMe~

 
 

Contatti    |    Mappa sito    |    Impressum

Ticino